Storia dell’Esercito Italiano

Esercito Italiano

L’Esercito Italiano (EI) è la componente principale e più antica delle quattro forze armate italiane, delle quali fa parte assieme alla Marina Militare, all’Aeronautica Militare e all’Arma dei Carabinieri, tutte dipendenti dal Capo di stato maggiore della difesa ed inserite nel Ministero della difesa.

Nato come Regio Esercito nel 1861 in occasione dell’unità d’Italia dal nucleo della armata sarda, assunse la denominazione attuale dopo la nascita della Repubblica Italiana avvenuta nel 1946. Terminata la fase di transizione del secondo dopoguerra, periodo durante il quale alcune unità erano ancora sotto il controllo Alleato, l’ingresso dell’Italia nella NATO comportò per l’Esercito una riorganizzazione e un ammodernamento in funzione di contrasto a un’eventuale azione militare da parte delle forze del Patto di Varsavia. I mutevoli scenari a livello internazionale hanno fatto sì che l’Esercito Italiano partecipasse inoltre a varie missioni di pace sotto egida ONU o NATO, quale ad esempio la missione Ibis in Somalia cominciata nel 1992 nell’ambito della missione UNITAF o l’UNMIBH in Bosnia ed Erzegovina, durata dal 1995 al 2002.
Con l’avvento del XXI secolo l’Arma dei Carabinieri che prima faceva parte dell’esercito, è divenuta arma autonoma; l’emanazione poi della legge 23 agosto 2004, n. 226 ha determinato la sospensione alle chiamate del servizio militare obbligatorio a partire dal 2005 accanto ad un processo di riforma generale accompagnato da una progressiva riduzione di effettivi.

Storia

Dal Regio Esercito alla Repubblica

Subito dopo l’unità d’Italia nell 1861, venne costituito il Regio Esercito italiano, che nacque dalla fusione dell'”Armata Sarda” con gli altri eserciti operativi nei vari stati preunitari italiani; la denominazione venne stabilita il 4 maggio 1861, con decreto (nota n. 76 del 4 maggio 1861) del Ministro della guerra Manfredo Fanti.
Da allora il Regio Esercito ha partecipato alla Terza guerra di indipendenza, alle campagne coloniali, alla prima e alla Seconda guerra mondiale, prima dalla parte dell’Asse e dopo l’8 settembre 1943 dalla parte degli Alleati.
L’esercito repubblicano nacque dopo la proclamazione della Repubblica il 2 giugno 1946. La sua base consisteva nel Corpo italiano di liberazione, che aveva partecipato alla campagna d’Italia al fianco della forze Alleate contribuendo alla liberazione del territorio nazionale. Dopo la cessazione delle ostilità la Missione Militare Alleata il 14 novembre 1945 stabilì le norme alle quali il nuovo esercito, detto “di transizione”, doveva attenersi. La struttura doveva rimanere quella stabilita fino alla firma del trattato di pace. I cinque Gruppi di Combattimento che erano stati costituiti via via che le forze Alleate avanzavano divennero altrettante divisioni binarie, cioè formate da due reggimenti (solo di fanteria): Divisione di fanteria “Friuli”, “Cremona”, “Legnano”, “Folgore” e “Mantova”.
A queste si aggiungevano tre divisioni di sicurezza interna, la “Aosta”, la “Reggio (originariamente “Sabauda”) e la “Calabria” cui si aggiungevano altri dieci reggimenti di cui tre alpini, portando la forza complessiva di quelle che venivano denominate “forze mobili e locali” a 90 000 uomini.
Altre componenti dell’esercito di transizione erano l’Organizzazione centrale e undici comandi militari territoriali che dovevano sostituire le funzioni dei preesistenti comandi di corpo d’armata in tempo di pace, per complessivi 9.000 uomini; l’amministrazione, comprendente le unità dei servizi con altri 31.000 uomini; la componente detta “Addestramento e complementi” che raggruppava il Centro Addestramento Complementi di Cesano e le scuole militari, per complessivi 10.000 uomini, che portavano il totale a 140.000 uomini. Alcuni reparti, consistenti in una divisione, sei raggruppamenti e due gruppi di battaglioni (equivalenti a reggimenti) rimanevano ancora sotto il comando Alleato.
L’organizzazione addestrativa di base era affidata ai comandi militari territoriali, attraverso i Centri addestramento reclute (CAR), con un organico a livello di reggimento, mentre l’addestramento avanzato veniva svolto dalle scuole militari. Inoltre ai comandi territoriali veniva assegnato un reggimento operativo in modo da garantire una presenza diffusa sul territorio, tranne in Sicilia nella quale i compiti di vigilanza vennero assegnati a due divisioni di sicurezza, visti i problemi legati alle tendenze separatiste dell’isola.
Nel 1946 le tre divisioni per la sicurezza interna vennero trasformate in unità operative, con l’aggiunta di un gruppo di artiglieria ed un gruppo squadroni di cavalleria blindata (con cingolette CV35) della ricostituita Arma di cavalleria, e questa fu la struttura definitiva dell’Esercito di Transizione alla firma del trattato di Parigi nel 1947.

Gli anni cinquanta

Dopo la fase di transizione, con l’accettazione dell’Italia nella NATO, le forze armate vengono rinforzate e riarmate, con un consistente concorso degli Stati Uniti d’America in termini di mezzi; la dottrina di impiego e l’addestramento vengono uniformati agli standard dell’alleanza, e vengono tenute regolarmente esercitazioni congiunte. La consistenza dei reparti operativi cresce fino a raggiungere dieci divisioni di fanteria e tre corazzate (“Ariete”, “Centauro” e “Pozzuolo del Friuli”) cui si aggiungevano cinque brigate alpine. Nel 1954 la struttura di comando fu organizzata su due armate e cinque corpi d’armata, cui si aggiungeva il “Corpo per la sicurezza della Somalia”, paese affidato all’Italia per mandato fiduciario dalle Nazioni Unite fino al 1956; di conseguenza, il corpo venne sciolto nello stesso anno.
Con il concretizzarsi della minaccia di invasione da parte del Patto di Varsavia viene definita dalla NATO la dottrina di difesa avanzata, che in Italia portò alla denominazione della “soglia di Gorizia” come linea di difesa alla quale doveva essere idealmente fermata l’eventuale invasione e al miglioramento ed estensione del Vallo Alpino, sistema di fortificazioni inizialmente concepito sotto il fascismo per contrastare una minaccia proveniente dalla Germania e successivamente ripristinato dall’inizio degli anni cinquanta fino al 1992, sotto il presidio di reparti appositamente dedicati allo scopo: Alpini d’arresto e Fanti d’arresto. Nacque la III Brigata missili che, dotata di missili “Honest John” prima (trentadue lanciatori) e “Lance” poi, acquisì la capacità di lancio di testate tattiche nucleari.

Gli anni ottanta-novanta e le missioni internazionali

Con l’inizio degli anni ottanta l’esercito ha affrontato, dal 1980 al 1982, la sua prima missione armata (cioè non limitata alla sola presenza di osservatori) all’estero, la Missione Italcon, durante la guerra in Libano come forza di pace. Durante la missione, effettuata congiuntamente con forze di altri paesi NATO tra i quali Stati Uniti e Francia, il contingente ha guadagnato la fiducia delle parti contrapposte, riuscendo a non essere vittima di disastrosi attacchi che invece colpirono le altre forze multinazionali e perdendo alla fine un solo uomo a causa dell’esplosione di una mina.
La caduta del muro di Berlino e il dissolvimento del Patto di Varsavia diedero una nuova dimensione alle forze armate italiane, non più in funzione esclusivamente difensiva ma anche e soprattutto in supporto alle iniziative di peacekeeping (come viene denominata internazionalmente una operazione di mantenimento della pace). L’esercito venne infatti schierato nella missione ONU in Namibia (UNTAG, 1989-1990), in Albania e Kurdistan nel 1991, e in Somalia con l’operazione IBIS dal 1992 al 1994, operando nell’ambito dell’UNITAF,una delle operazioni più complesse in teatro estero dalla fine della seconda guerra mondiale. Il contingente italiano nello svolgere il suo lavoro, sul campo somalo subì un’imboscata che causò la morte di alcuni soldati (battaglia del pastificio). Seguirono la missione ONU in Mozambico (1993-1995, ONUMOZ) e quelle in Bosnia ed Erzegovina (1995-2002, UNMIBH), Timor Est (1999-2000, UNAMET) e Kosovo (1999, UNMIK).

Gli anni 2000 e la fine della leva

A partire dagli anni novanta del XX secolo l’esercito italiano cominciò ad attraversare una serie di trasformazioni come l’istituzione del ruolo dei volontari in ferma breve (VFB) prima e dei volontari in ferma annuale (VFA) poi.
Nel 2000 si ebbe poi la separazione funzionale dell’Arma dei Carabinieri dall’esercito, venendo ad essere forza armata autonoma, cessando di essere una specialità dell’esercito, pur mantenendo temporaneamente la tradizionale provenienza del suo Generale comandante dalle fila dell’Esercito, cioè dal personale proveniente dai corsi normali dell’Accademia militare di Modena.
Con la legge Martino e la sospensione delle chiamata al servizio militare in Italia, venne avviata un notevole fase di ristrutturazione e ottimizzazione delle risorse soprattutto umane (la forza operativa passa in pochi anni da oltre 230.000 a circa 102.000) ne è discesa una concezione delle Forze armate e una razionalizzazione del loro impiego completamente nuove e molto più agili.

Fonte: https://it.wikipedia.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *